lunedì 17 ottobre 2016

Le ansie e i disagi del lettore: sistemare la libreria

Buongiorno! Qui è la vostra Katy che vi parla, sempre senza un Daemon Black accanto e con un pochino di ansia addosso, in compenso, per via della verifica di greco, e ho paura.
Comunque, per il momento non pensiamoci, stiamo calme e respiriamo, perché oggi inauguriamo una nuova rubrica!
L'idea mi è venuta ad agosto, mentre ero nel letto e stavo aspettando che il mio cervello si spegnesse visto che era proprio ora di andare a dormire (massì, cervello caro, continua pure a lavorare ininterrottamente che io non ho mica bisogno di dormire... fai pure), così mi sono messa a cercare nuove idee per il blog. Pensa e pensa, a un certo punto mi sono immaginata una conversazione con una mia amica (sì, lo so, non sono normale, ma dovete anche sapere che ci sono dei giorni in cui sto mezz'ora in bagno a parlare con lo specchio, quindi quell'episodio era ancora nella norma) e proprio questa mi diceva "Ma, perché non ti metti a parlare dei disagi di noi lettori?". Ecco la mia eureka, la mia illuminazione che si fa strada nella mia mente e questa che inizia a lavorare su mille possibili scenari da analizzare e un modo per renderli il più divertenti possibili, di modo che strappino un sorriso.
Quindi, oggi partiamo con questa nuova idea, molto disagiata, che suddividerò in punti in base alle diverse sfaccettature dei temi che affronteremo, e in questo primo appuntamento parleremo di sistemare la libreria.

Ordinare la nostra libreria è sempre un momento molto delirante e rilassante al contempo: da una parte, ci piace risistemare i nostri libri, accarezzarli, annusarli e ricordarci della loro storia, di quanto ci era piaciuta, ma dall'altra è anche un'impresa titanica perché più libri ci sono, più saranno grossi i problemi, ci faremo millecinquecento viaggi mentali per cercare di metterli nell'ordine che vorremmo e per far combaciare l'idea della sistemazione che abbiamo in mente con la realtà. Ci sono, quindi, molti disagi e ora li analizzeremo insieme.

1.
Mettere in ordine la nostra libreria è un problema ENORME, andiamo in palla per ogni minimo dettaglio: magari, vogliamo mettere i libri in una certa posizione, su un determinato scaffale, in un ordine preciso, ma cosa succede quando, dopo aver messo tutti i nostri libri preferiti nell'ordine desiderato, l'ultimo libro della fila non ci sta per tre millimetri tre?
 Panico. Ansia. Inizi a chiamare tua madre, tuo padre, il gatto, la cimice che sta sul tuo balcone (o la vespa, dipende dalla stagione), tutto il condominio e i pompieri per cercare di schiacciare il più possibile tutti gli altri libri e cercare di farci entrare quel maledettissimo volume che non ha proprio intenzione di stare dove lo vuoi.
Perciò, dopo aver pregato tutti i santi, santi vampiri, santi licantropi, santi alieni, Santo Daemon e Santa Armentrout madre degli alieni più fighi del ventunesimo secolo, e aver addirittura tentato di richiamare fuori da tutti i libri che hai letto i personaggi più mastodontici, compreso Robeus Hagrid, cosa fai? Semplice, o chiami un falegname per spostare quella parete della libreria di quei tre millimetri, oppure metti qualche libro al posto degli altri e ti rassegni al fatto che non potrai avere nello scaffale che vuoi tu le tue serie preferite.

2.
Un altro problema sta nel decidere in che modo sistemare la libreria, in quale ordine mettere i libri.
Se, infatti, si decide di suddividerli per case editrici c'è un problemino perché potrebbero finirti vicini due libri di due generi completamente diversi, come un fantasy accanto a un saggio che hai dovuto leggere per la scuola e che avresti voluto non averlo mai comprato perché ti ricorda soltanto tutti quei giorni che ci hai messo a leggerlo e tutti quei giorni in cui hai sperato di capirci qualcosa. Insomma, già qualcosa è da cambiare....
Allora, decidi di ordinarla in ordine alfabetico per autore, ma il problema sussiste nel momento in cui anche qui ti ritrovi i tuoi libri preferiti del tuo autore preferito in cima alla libreria e se mai un giorno volessi rileggerli dovresti andare a prendere una scala perché sei alta un metro e sessanta, mentre la tua libreria arriva quasi a toccare il soffitto, ed è in questo preciso momento in cui desidereresti essere Daemon Black in versione femminile alta un metro e ottanta, e novanta o due metri (io non ho ancora capito quanto è alto esattamente, visto che la protagonista cambia la sua altezza ogni volta che lo vede), oppure desidereresti far ritornare nel mondo dei vivi quel gigante buono che se n'è andato troppo presto anche per dirgli che sia Cory, sia Finn rimarranno sempre nel tuo cuore.
Poi, dopo questo epic fail, decidi di provare a suddividere la libreria per colore, per cercare di far venire fuori qualcosa di veramente bello, ma cosa succede se hai più di duecento libri e se sono già le cinque del pomeriggio e il giorno dopo hai scuola, quindi non puoi neanche pensare "Massì, tanto domani non devo alzarmi presto"? E il problema sta proprio qui, nel fatto che hai troppi libri che dovresti tirare fuori e nel fatto che non puoi andare a dormire tardi perché il giorno successivo c'è scuola e c'è anche il monitoraggio di arte che ti fa paura, ergo non avresti tempo per finire il lavoro e di lasciare i tuoi libri per terra tutta la notte non se ne parla nemmeno, visto che conosci la tua gatta e sai benissimo che, se le partono i cinque minuti, per te e i tuoi libri è la fine.
Alla fine di tutto ciò, decidi di metterli un po' alla cavolo, posizionando vicino tutte quelle serie che ti sono piaciute alla follia e ti ripeti che per farne una arcobaleno ci vorrebbe troppo tempo e che prima o poi anche tu avrai una libreria colorata bellissima (poi ti ricordi che hai serie con le coste di colore diverso e ti impietosisci perché non vuoi separarle, perciò decidi che una libreria colorata la farai solo per gli autoconclusivi o per quelle serie con le coste dello stesso colore). Quindi ti viene qualcosa tipo questo:

3.
Un altro momento di ansia e disagio, tutti insieme appassionatamente, si ritrova quando stai riordinando gli scaffali e ti ricordi che hai almeno dieci serie di cui ti mancano dei libri perché, o non li hai ancora acquistati, oppure non sono usciti... Cosa fai? Dilemma: lasci lo spazio oppure no? Se decidi di lasciarlo dovrai prendere le misure al nanometro perché se sbagli anche solo di un millimetro va a finire che ti ritrovi nella situazione del punto 1 e per farci entrare il libro in questione devi fare una fatica immane, oppure va a finire che devi spostare gli altri volumi e che devi di nuovo cambiare l'ordine.
E se, invece, decidi di non lasciare lo spazio? Allora, devi essere consapevole del fatto che poi dovrai rivoluzionare di nuovo tutto nel momento in cui avrai un altro libro di quella serie e che, con tutta la probabilità del mondo, ci metterai un altro giorno perché "e sposta questo qui, questo di là, questo non ci sta!" e tua madre arriverà tutta preoccupata a chiederti se stai costruendo una bomba nucleare con tutto il trambusto che stai facendo e ti beccherai anche un'occhiata alla "ma perché è toccata a me una figlia con la smania per i libri? Una che adora gli smalti e lo shopping era troppo difficile?".

4.
Ora, questo problema non è proprio legato alla sistemazione dei libri, ma è una cosa che mi dà fastidio.
Vi è mai capitato di entrare nella vostra stanza, di buttare un occhio sulla vostra libreria tanto carina e di vedere che due libri sono un po' più in dentro degli altri? Ecco, a me sì e ogni singola volta chiamo mia madre per chiederle se qualcuno è entrato in camera mia mentre ero a scuola... Indovinate un po' cosa mi risponde? "Nessuno, solo la gatta" e poi, dopo qualche secondo "Ah, deve aver giocato vicino alla tua libreria dove c'era un cordino". Al che inizi a maledire te stessa per non aver messo quello stupido cordino da un'altra parte, ti arrabbi per tre secondi con la tua gatta perché ha messo le sue zampine sui tuoi libri e infine, dopo averla perdonata perché ti ha fatto gli occhi dolci, vai a rimettere i libri tutti allo stesso livello, li accarezzi e prometti loro che non succederà più una cosa del genere (e poi, puntualmente, questo accade di nuovo, con la sola differenza che questa volta è stata tua madre a sfasarti i libri quando ci ha dato un colpetto col gomito mentre stava passando l'aspirapolvere).

5.
Ultima cosa nel sistemare la libreria è dove sistemare, e come, i vostri gadget di modo che stiano fermi e che la vostra gatta non li veda perché se è una collana c'è il serio rischio che passi tutto il giorno a giocarci. Iniziate col posizionarli sui vostri libri, però poi coprono i titoli e dovete cambiare posizione fino a che non decidete di mettere in un angolino un chiodo a cui appendere le collane, i braccialetti e altre cianfrusaglie tanto carine; se invece sono quei tipi di gadget che non sono fatti per essere indossati il problema sussiste perché dovete metterli secondo un certo angolo, di modo che lascino intravedere il libro e che si lascino vedere nella loro bellezza.
La situazione si fa difficile quando non solo avete dei gadget dei vari fandom, ma anche quando avete i dvd della vostra serie preferita che vi piacerebbe avere su un determinato scaffale perché ha fatto parte di una fase importantissima della vostra vita e non potete relegarla negli angoli più bui della vostra libreria, no? Così iniziate a impazzire per metterli tutti sullo stesso scaffale dei vostri libri preferiti, ma tornate alla situazione del punto 1 in cui vi capita che, poiché siete molto, ma mooolto fortunate, dovete rivoluzionare tutto perché l'ultimo libro non vi ci sta neanche a pagarlo e iniziate a sclerare male per la casa rivolgendovi a chiunque vi stia ascoltando perché #mainagioia.

Bene, queste sono alcuni disagi legati al fare le librerie e spero di non essere la sola a cui accadono certe cose.
Io concludo qui, spero che vi piaccia questa mia idea e mi scuso se le foto della mia libreria non sono come quelle dei fotografi ma, fidatevi, farne alcune è stata un'impresa titanica! Fatemi sapere se anche voi siete così disagiate, se ci sono altre cose da aggiungere alle ansie a proposito del sistemare la libreria e noi ci vediamo con questa rubrica fra un po', intanto se avete suggerimenti, se volete vedere alcuni argomenti particolari, io sarò ben felice di accontentarvi.
Alla prossima!

4 commenti:

  1. Ciao! Mi sono divertita molto a leggere il tuo post, perché mi ci sono rivista nei disagi da te elencati xD
    Anche se da quando ho il Kindle molti problemi li ho risolti, mi ritrovo spesso a sistemare i vari ebook nelle cartelle: Letti, Da leggere, Saggi, Thriller, ecc.. Quindi ho disagi pure col Kindle xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Sono contenta di averti fatto divertire :)

      Elimina
  2. Bellissimo!! Haha che ridere! Fanne di più di questi scleri-time 😂🔝 Ciao! (Sperando non invii il messaggio due volte...) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah ok Fra, sarà fatto😂👍🏻

      Elimina